Tesina Oss piaghe da decubito: ecco come strutturarla ed alcuni esempi

L’operatore socio-sanitario (abbreviato OSS) è una figura ospedaliera che maggiormente a contatto con i pazienti, loro si occupano al giorno della loro pulizia, del cambio del letto e anche di portare loro il pranzo e la cena.

Oltre ad essere un aiuto per i pazienti sono anche ottimi alleati degli infermieri in caso di vari esami specifici, controllo della pressione giornaliera e anche controllo delle varie flebo, ma soprattutto possono essere un grande supporto se uno o più pazienti presentano delle piaghe da decubito.

Esse sono particolari lesioni che si presentano sulla pelle, molto di più sugli anziani, e se non viene curata in fretta possono anche peggiorare e raggiungere i muscoli sottostanti.

Questo disturbo può essere un ottimo materiale da tesina per chi studia la figura dell’OSS, ecco  con semplici esempi come potrebbe essere strutturata.

Come strutturare la tesina con alcuni esempi

Questo argomento per chi sta facendo il corso da OSS, ma anche per chi studia in ambito infermieristico e medico, è importantissimo perché prima o poi ci avranno a che fare e bisogna riconoscerne subito lo stadio e curarle in modo veloce.

Esse fanno sia male che fastidio alle persone, provocando loro vari disagi ed è indispensabile essere pronti per curarle e come poterle curare in senso teorico e pratico.

Per quanto riguarda la teoria molte sono le tesi con questo argomento principale e nelle descrizioni sarà indispensabile descrivere non solo vari esempi di gravità ma come saperle pulire e curare prima che provochi una grave infezione al paziente.

Si può anche parlare della collaborazione che può avvenire tra OSS, infermieri e medici.

Dato che la maggior parte di queste lesioni è presente sulla pelle dei vari pazienti è necessario saper come pulirla, descrivendo nella tesi i vari materiali usati come l’acqua ossigenata o altre speciali creme che aiutano la pelle ad idratarsi dove risulta secca e sempre utilizzando anche materiali protettivi da entrambe le parti, teli per i pazienti e guanti in lattice per OSS ed infermieri.

In molti casi, soprattutto in quelli in cui è necessario una cura tempestiva, è necessario proteggere la lesione dai fattori esterni come germi di altre persone, per questo viene sempre protetta con bende e fasciature e per alcune ore lasciata al chiuso, poi occorrerà saperle cambiare e lasciare anche che la ferita respiri.

L’ospedale non è solo ben fornito di attrezzi e medicinali ma anche di particolari letti con materassi chiamati materassi antidecubito che permettono alla lesione di non formarsi, in questo modo prevengono questi disagi e il paziente sarà tranquillo se esse non verranno.

Questi materassi, ed anche guanciali e cuscini, sono fatti con vari materiali come una particolare spugna oppure delle camere ad aria che aiutano il movimento del paziente in varie posizioni, che a volte se ne deve occupare l’OSS ad aiutarlo a spostarsi cambiando posizione sul letto.

Se poi il paziente deve tornare a casa sarà compito dei parenti non far venire le piaghe da decubito a casa e possono acquistare nei negozi specializzati questi materassi e metterli al posto del materasso normale.

Un altro esempio di stesura di questo argomento della tesina è descrivere come sono i vari stadi, come riconoscerli e anche come saperle pulire se si è da soli oppure se non si è OSS.

È estremamente importante descrivere anche i vari stadi che potrebbe aver raggiunto la piaga e saperla riconoscere anche solo guardandola.

Le piaghe hanno 4 stadi di gravita:

  • Stadio I: infiammazione e apertura dell’epidermide;
  • Stadio II: distruzione della pelle sotto il primo strato di epidermide;
  • Stadio II: presenza di vari fluidi ed acqua perché il secondo strato di derma si è infettato;
  • Stadio IV: necrosi del muscolo e anche delle ossa.

Sono delle infezioni che si infettano subito, ed hanno anche un aggravamento molto veloce, per questo bisogna saper riconoscere lo stadio di gravità e preparare una cura per il paziente.