Come si diventa manager?

Il manager si occupa di organizzare il lavoro, telefonate e viaggi d’affari, e gestire le persone. Una professione del genere, richiede degli studi specifici, aggiunti a dei master specializzati.

Le caratteristiche di base

Oltre a seguire gli studi necessari, un manager deve possedere alcune qualità, che non sono comuni a tutti. Una di queste doti, è la leadership: deve essere innata e poi affinata con il tempo e l’esperienza, ma in una professione di questo tipo è sicuramente basilare, perché non bisogna dimostrare timori o incertezze, nel dirigere un team professionale.

Un’altra qualità indispensabile è sicuramente la creatività, in quanto il manager deve proporre sempre delle idee innovative, per fare in modo che un’azienda cresca.

E’ necessario che un manager rimanga sempre aggiornato sulle nuove tecnologie, in modo da dimostrare di essere sempre disposto ai cambiamenti, e per migliorare sia il proprio lavoro che quello delle persone che dirige.

Una cosa che bisogna saper fare, sia in questo lavoro che in qualsiasi altro campo, è saper gestire lo stress. Un manager si ritrova a lavorare anche per più di cinquanta ore, in un settore che comporta delle grandi responsabilità, e saper gestire al meglio le proprie forze è fondamentale.

Gli studi

Sembra scontato, ma per diventare manager ci si deve laureare in Economia, scegliendo l’indirizzo giusto, come quello del Marketing o dell’Ingegneria gestionale, per ottenere delle conoscenze che riguardano le basi della gestione, dell’economia, della pianificazione strategica e del sapere lavorare in gruppo.

Una volta presa la laurea, bisogna seguire un master in management, seguendo anche dei corsi di lingua inglese, la cui conoscenza sembra scontata, ormai, in campo economico, se si vuole seguire un percorso professionale del genere.

Sia gli studi che le qualità necessarie, devono permettere al manager si sfruttare al meglio le risorse della azienda, individuando le persone più adatte a compiere determinate mansioni, mantenendo sempre un certo grado di collaborazione tra i dirigenti e lo staff.

Quanto guadagna un manager?

Lo stipendio di un manager può variare in base all’impresa per cui si lavoro e all’anzianità. In generale, la paga media è di 4000 euro al mese, se si lavora per una grande impresa. In un’azienda più piccola, invece, lo stipendio si aggira all’incirca sui 2500 euro.

E’ sicuramente una delle professioni più ricercate e pagate, quella del manager, anche in Italia, sebbene ci sia la crisi, ed un manager specializzato può arrivare a guadagnare fino a 120,000 euro all’anno.