Alghe verdi filamentose: come eliminarle? Dove e perché si formano?

Avere un acquario in casa propria è uno spettacolo per gli occhi, molti sono i pesci che si possono tenere al proprio interno e noi possiamo prenderci cura di loro ed osservare i loro vari comportamenti anche tra specie diverse.

Si può pure decorare il fondale, questo prima di metterci dentro i pesci, con sassi, pietre lucide, piante di plastica e anche qualche vaso rotto che funge da riparo per alcuni di loro.

Inoltre è importante mantenere l‘acqua pulita come le pareti dell’acquario o compariranno le alghe verdi filamentose.

Cosa sono queste?

Come si eliminano?

Come eliminarle?

Per togliere questa fastidiosa pianta che nasce da vari elementi favorevoli come la luce, l’acqua pulita e condizioni ottimali per l’acquario, ci sono vari e diversi metodi, a volte anche i pesci possono risolvere da soli questo problema ma è meglio andare con ordine.

Esistono sul mercato particolari spugne che possiedono una calamita al loro interno e permette alle persone di pulire l’acquario da fuori, muovendo una spugna attaccata al vetro mentre l’altra viene immersa in acqua e fa da sola gli stessi movimenti che facciamo noi.

Una volta finito il lavoro si deve tirare fuori la spugna e lavarla bene per togliere residui di quest’alga nella spugna e lasciarla asciugare all’ombra.

Oppure grazie ad uno speciale bastoncino con particolari dentini, oppure con uno spazzolino, si riesce a rimuovere velocemente questa minaccia per i pesci che possono dar loro fastidio.

Oppure si comprano altre specie di pesci di acqua dolce che si nutrono solo di queste particolari alghe ed aiutano a tenere l’ambiente pulito, essi sono chiamati pesci erbivori e alcuni hanno l’aspetto di piccoli gamberi anziché di pesci normali.

È legale comprarli e tenerli nel proprio acquario di casa, inoltre vivono bene ed in pace con qualsiasi altro tipo di pesce, e anche tartaruga d’acqua.

Un altro trucco che si può usare in molti casi è controllare la pulizia dell’acqua, non accendere la luce dell’acquario per tre o quattro giorni ma continuare a dar da mangiare ai pesci.

Dove e perché si formano?

Queste alghe si possono formare sia negli angoli delle pareti di vetro dell’acquario, sul fondo e anche su altri oggetti che sono sul fondo e sugli oggetti che servono a decorare l’acquario.

Questa pianta cresce in un ambiente pulito ed è anche simbolo di una corretta pulizia dell’acqua, per non contare poi la loro fonte di luce che, come aiuta le piante esterne a crescere, anche queste alghe hanno bisogno di questa luce per poter nascere e crescere, anche se però a vederle può dar fastidio a noi e potrebbe anche fare del male ai pesci.

Queste piante infatti  contengono vari batteri, ma i pesci pulitori, oppure erbivori, riescono a digerirli con facilità.