Animali con la G: eccoli tutti, anche quelli meno conosciuti

Si conoscono quelli classici, in genere quelli domestici o da allevamento più comuni. Ma chissà quali sono quelli anche meno conosciuti? Vediamo insieme scoprendo ognuno delle loro caratteristiche peculiari.

Protagonisti del regno animale che iniziano con la lettera G

  • Gabbiano: si tratta, prevalentemente, di un uccello di mare, anche se alcuni esemplari vivono nelle zone dei grandi laghi. Hanno un pecco lungo e si nutrono di pesci, uova e carcasse di animali abbandonati. Sono uccelli soggetti a rischio anche perché alle volte si nutrono dei rifiuti prodotti dallo stesso uomo, trovati nelle discariche in mare.
  • Galeopiteco: anche chiamato scoiattolo volante, o meglio, “lemure volante”, è infatti un mix tra uno scoiattolo e un pipistrello. Il suo habitat prevale in ambiente asiatico, specialmente la Malesia e le isole delle Filippine.
  • Gallo: è un uccello, per la precisione il maschio della specie Gallus domesticus. La relativa femmina della specie è comunemente chiamata gallina. In alcuni paesi l’uomo utilizza questi animali per sottoporli a combattimenti clandestini con tanto di giro di scommesse sul gallo che resterà in vita (questo tipo di tradizione è presente nell’America Latina, ed è illegale in Italia).
  • Gambero: è un crostaceo molto diffuso. E’ molto apprezzato in cucina ed è la base di molti piatti prelibati, in molti paesi in cui la tradizione culinaria è prevalentemente a base di pesce.
  • Gatto: è il felino per eccellenza è un animale spesso apprezzato come animale da compagnia negli ambienti domestici. Sicuramente è un abile predatore e si presenta sottoforma di diverse razze, tra le quali il gatto persiano è certamente quella più pregiata. È stato un animale sacro per gli egizi nei tempi addietro, fino a diventare un totem divino nella loro stessa religione. Esiste anche una varietà di gatti selvatici, come il “gatto delle sabbie” che vive nei deserti. Ha una grande capacità di adattamento alle temperature altissime, fino a 52 gradi.
  • Gaur: è un bovino selvatico che vive prevalentemente nelle regioni dell’India, Indocina e Birmania. Purtroppo è scomparso in Tibet, Cina e Sri Lanka. Nella sua forma domestica viene chiamato gayal
  • Gaviale: è un grande coccodrillo con un particolare muso allungato. Si trova principalmente nei fiumi Brahmaputra, Indo, Gange e purtroppo è a rischio d’estinzione.
  • Gazza: è un uccello con un aspetto non dissimile ad un corvo, anche per il verso che emette. Viene chiamato anche come gazza ladra poiché è attratto dagli oggetti che brillano, specie metalli e gioielli, oppure per il fatto che saccheggia i nidi di altri uccelli.
  • Gazzella  un animale, precisamente un bovide, molto veloce. Riesce spesso a tener testa ad alcuni tra i più temibili predatori come leoni o ghepardi e spesso sfugge alle loro grinfie. Diffuso specialmente in Africa e in Asia.
  • Geco: trattasi di un piccolo rettile che vive nei luoghi caldi del mondo, imparentato certamente con le lucertole. Molte specie sono in grado di mimetizzarsi meglio nell’ambiente in cui si trovano.
  • Gerbillo: viene definito gerbillo un roditore che vive nelle zone desertiche (ma anche semidesertiche) dell’Asia e dell’Africa.
  • Gerboa: anche il gerboa fa parte della famiglia dei roditori e possiede grandi orecchie e zampe posteriori lunghe, adatte per saltare, una specie di mix tra un topo e un canguro australiano.
  • Genetta: è un mammifero carnivoro affine alla mangusta. Lunga circa 1 metro, viene spesso tenuta come animale da compagnia ma in cattività e in habitat allo stato brado.
  • Geometride: è un sottile bruco che si muove con andatura circolare” a compasso”. È in grado di divenire anch’esso farfalla come altri lepidotteri.
  • Germano reale: è un uccello di gradevole aspetto chiamato anche Capoverde ed appartiene alla famiglia delle anatre, considerato appunto come capostipite del genere.
  • Gerride: si tratta di un insetto in grado di camminare sull’acqua degli stagni sfruttandone la superficie. Appartiene allo stesso ordine delle cimici.
  • Ghepardo: è un felino, e come tale predatore, noto per la sua straordinaria velocità. Può raggiungere 100 Km/h in pochissimi secondi e raggiungere velocità fino a 120 Km/h, quanto basta per sopraffare e, infine, cacciare le proprie prede
  • Gheppio: è un piccolo uccello rapace appartenente alla famiglia e al genere Falco, diffuso in tutto il mondo tranne l’Antartide. Questo tipo di falchetto si distingue per la capacità di volteggiare elegante con le proprie ali a ventaglio, mentre scruta l’ambiente in cerca di animaletti da cacciare, di piccola taglia.
  • Ghiandaia: è un uccello passeriforme di grandezza maggiore ai comuni passeri, raggiungendo alle volte i 35 cm globali. Il suo nome deriva dalla sua abitudine di completare la dieta con ghiande e altri vegetali e procacciare tali provviste in inverno nella corteccia degli alberi.
  • Ghiottone: è un mustelide, animale carnivoro diffuso nelle zone artiche di maggior parte dell’Asia, nelle Americhe e in Europa, appartenente alla stessa famiglia del comune tasso ma molto più grandi di dimensioni.
  • Ghiro: trattasi di animale dall’aspetto simile ad un topo. E’ famoso per il suo prolungato letargo: un ghiro comune dorme nella stagione invernale per ben 6 mesi. Possiede grandi occhi rispetto al resto della famiglia dei roditori.
  • Giaguaro: è un felino selvatico di grossa taglia; è infatti il più grosso felino americano. Ha un manto maculato e si contraddistingue dal leopardo per la differenza del tipo delle macchie.
  • Giraffa
    È un mammifero conosciuto per la lunghezza del suo collo; è difatti l’animale più alto del mondo e di norma è in grado anche di superare i 5 metri d’altezza.
  • Globicefalo: è uno dei generi di cetacei più largamente diffusi. Proprio per il loro nome hanno una testa più a forma di bulbo.
  • Gnu: mammifero della famiglia dei bovidi che trova il suo habitat in Africa. Si nutre di erbe della savana, la sua particolarità più evidente è il vistoso pizzetto. Inoltre, un branco di gnu in corsa sarebbe in grado anche di uccidere un leone.
  • Gongilo: si tratta di un tipo di lucertola con zampe corte e che si muove come fosse un serpente.
  • Gorilla: fa parte della famiglia dei primati, come il gibbone, caratterizzato da una stazza grande e possente e vive in Africa. È purtroppo una specie a rischio estinzione.
  • Gracula religiosa: chiamato in questo modo, o anche merlo indiano, la gracula è un uccello diffuso nell’area tropicale dell’Asia. Come molti sanno ha la capacità di imitare parole che l’uomo dice e anche suoni che sente nell’habitat in cui vive.
  • Grampo: è un tipo di delfino molto grande in grado di giungere i 4,5 m di lunghezza. Vive nelle acque di lago e nei bacini salmastri.
  • Granchio: è un crostaceo comune che ha una possente corazza e due potenti chele. Alcuni granchi sono notturni quando la presenza di predatori è minore. Una stretta parente del granchio è la grancevola, che vive principalmente nell’Oceano atlantico orientale dall’Irlanda alla Guinea e anche nel Mar Mediterraneo.
  • Grillo: il termine indica diversi insetti di medie dimensioni. Alcune varietà possono volare ed emettono un rumore chiaramente udibile sfregando le ali in posizione di sosta. Sono in grado di eseguire grossi salti con le zampe posteriori. Esiste poi il grillotalpa, un insetto dannoso per le coltivazioni.
  • Gufo: trattasi di rapace notturno che vive nel Nordamerica, in Europa e in Asia. Vive principalmente nelle foreste di conifere e nei boschi. Non può spostare gli occhi, tuttavia ha la capacità di ruotare la testa di 360°. Spesso accomunato alla sfortuna, è invece un animale che simboleggia la saggezza e la sapienza, quindi associato all’Università e alla laurea. Nella saga di Harry Potter, assieme alla parente civetta, è quasi un uccello simbolo, in grado di portare posta e pacchia gli studenti della scuola di Magia. Inoltre il suo nome usato come acronimo, è la sigla di un particolare esame (nella stessa saga) associato al nostro esame di maturità.